Campane tibetane: come funzionano?


LE CAMPANE TIBETANE PROVENGONO DALL’ORIENTE

Più precisamente dal Tibet, dove nacquero come strumento curativo. La particolarità di questi oggetti è da ricercarsi nella loro composizione: le campane tibetane, infatti, hanno una struttura a forma di ciotola composta da 5 metalli diversi interamente lavorati a mano. I lunghi trattamenti a cui vengono sottoposte queste leghe permettono di creare le campane tibetane, famose perché sono in grado di emettere precise vibrazioni sonore dall’alto tasso curativo. L’architettura di questo antico cimelio è studiata nel dettaglio. Il loro effetto benefico risiede, infatti, anche del bastone di legno che si usa per provocare l’emissione delle onde sonore.

Le onde che si propagano nello spazio circostante invadendo l’aria, creano cerchi concentrici del tutto simili a quelli generati dalla caduta di un sasso lanciato in acqua.

Onde sonore benefiche

Gli esperti di questo tipo di trattamento applicano le onde sonore contemporaneamente ad un intenso massaggio mirato a sbloccare il corpo e ad alleggerire la mente. Le campane tibetane possono essere abbinate ad altre tecniche sinergiche come il Reiki e la Cristalloterapia. L’unione di questi trattamenti assolutamente innocui e praticabili su qualsiasi persona è in grado di far provare sensazioni intense di rinascita mentale e fisica. Riattivando i chakra è dunque possibile rigenerare nel profondo tutto l’organismo e ritrovare la pace interiore e la calma.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *