Come curare il pelo del cane: tutti i consigli

Come curare il pelo del cane: tutti i consigli

Pelo del cane: non solo un fattore estetico

Quando osserviamo un bel cane, la prima cosa che salta agli occhi è il suo pelo. Un mantello setoso, morbido e lucido è un grande motivo d’orgoglio per i proprietari e fonte d’invidia per tutti coloro che non riescono ad ottenere lo stesso risultato con il mantello del proprio cane.

Importante ricordare però, che il pelo del cane è soprattutto un eccellente termometro della sua salute.

Quindi non fermarsi alle apparenze ma indagare le cause reali di un pelo non perfetto, potrà influire sul benessere globale del nostro cane.

Qualora le problematiche inerenti al mantello diventassero particolarmente serie: zone glabre, prurito, escoriazioni, è bene consultare il veterinario. Potrebbero essere indice di: dermatiti, allergie, parassiti, problemi di epatici, renali o malattie molto più gravi.

Pelo del cane: problematiche

Il pelo del cane può andare incontro a diverse problematiche durante il corso della vita. Il mantello può essere:
• secco
• forforoso
• grasso
• perdita eccessiva del pelo del cane

Il veterinario consiglia sempre di partire da un’attenta analisi dell’alimentazione. Gli squilibri alimentari, il cambio del cibo o il rialzo delle temperature possono influire sul benessere del cane. Il pelo indica immediatamente che qualcosa non sta andando per il verso giusto.

Se pensate di modificare l’alimentazione del vostro cane, mi raccomando, come dico sempre, no al fai da te, ma fatevi consigliare da un veterinario esperto in nutrizione, perché saprà costruire l’alimentazione più giusta per il vostro cane.

Inoltre il mantello del cane necessita una scrupolosa routine di bellezza, che sarà diversa a seconda che il vostro cane sia a pelo lungo o corto. Infine per assicurarvi che il pelo del vostro cane sia perfettamente sano, bisogna assicurarsi che sia privo di pericolosi parassiti come: pulci, zecche e forasacchi.

Pelo del cane: tessitura

Variabile fondamentale di cui tenere conto, quando valutiamo lo stato di morbidezza e setosità del pelo del nostro cane è la tessitura del pelo stesso. Molto importante ricordare che le tipologie di pelo sono diverse a seconda delle razze. Ogni razza canina ha una tessitura corretta, che corrisponde ad una precisa funzione di protezione della cute del cane.

Non importa che il cane sia a pelo corto o lungo, il suo pelo potrebbe non essere  morbido, per le caratteristiche genetiche della sua razza.

Se riteniamo la piacevolezza la tatto, una caratteristica irrinunciabile, dobbiamo pensarci quando acquistiamo o adottiamo il nostro peloso.

Informiamoci sulle peculiarità della razza e, quando possibile, chiediamo di accarezzare i genitori della cucciolata. Il pelo del cucciolo spesso può trarre in inganno, si presenta molto morbido ma non è quello definitivo.

Come rendere il pelo del cane lucido e morbido

Il pelo del cane necessita di essere lavato con cura, per mantenersi sano. Si consiglia un minimo di 2/4 bagni l’anno fino ad un massimo, di un lavaggio al mese. Non è consigliabile eccedere nei lavaggi per non indebolire il film idrolipidico che protegge il cane dagli agenti esterni.

Io i miei li lavo pochissimo, quindi sono una pessima proprietaria da questo punto di vista. chiedo scusa alla Ludovica, la mia toelettatrice di fiducia per questo.

Il mantello va spazzolato costantemente, ed  il consiglio è quello di abituare il cane fin da cucciolo ad una routine di spazzolamento. La spazzolatura deve essere decisa, ma non violenta, ma piuttosto dei tocchi leggeri. Ecco anche qui faccio mea culpa perché io non li spazzolo mai, perché loro mi uccidono quando ci provo.

Non bisogna mai spazzolare contropelo o agire sul pelo bagnato.

Se il nostro cane è a pelo lungo, questo compito sarà un più gravoso.

Il pelo lungo richiede spazzole apposite, che il proprietario sceglierà in base alla natura del pelo e alle dimensioni del cane.

Il momento della spazzolatura non deve essere vissuto dal cane come un supplizio, ma una coccola, per questo deve avvenire con una certa frequenza, se ci riuscite e siete più bravi di me.

Può essere necessario anche due o tre volte a settimana, per eliminare corpi estranei come polvere o foglie ed evitare la formazione di fastidiosi nodi che renderanno tutto molto più difficile.

Per alcune tipologie di mantello, si consiglia l’utilizzo di un cardatore, soprattutto nelle fasi di muta, per rimuovere il sottopelo morto e favorire la rigenerazione del manto nuovo. Per il cardatore fatevi consigliare da un toelettatore esperto.

Anche se il nostro cane ha il pelo corto va ugualmente spazzolato, cambieremo soltanto lo strumento.

Per il pelo corto sono in commercio guanti gommati che aiutano l’esfoliazione del pelo vecchio e favoriscono la generazione di quello nuovo. I miei guanti sono stati tutti sbranati da DeeDee a prova che ama molto questa coccola.

Infine oltre alla spazzolatura vi consiglio di passare sul pelo del cane un pettine a denti fini e fitti, che aiuti l’individuazione e l’eliminazione di eventuali parassiti, che spesso non vengono rimossi durante le operazioni di cura estetica del pelo, o per controllare se ha le pulci.

pelo del cane
Pelo del cane lucido e morbido: i consigli

Sono molte le pratiche che possiamo mettere in atto per donare al nostro cane un pelo lucido e setoso. Di seguito riportiamo alcuni consigli:

  • se lo laviamo noi, usiamo sempre detergenti per cani, e non prodotti per uso umano. Il Ph del cane è diverso dal nostro e i saponi per uso umano potrebbero causare irritazioni ed eritemi
  • consigli alimentari: come abbiamo detto l’alimentazione può influire molto sulla bellezza del mantello. Stiamo particolarmente attenti alla mancanza di vitamina A ed E, omega 3 e fibre, nella dieta del cane; possiamo integrarli con salmone, tonno molta acqua, per favorire l’idratazione cutanea. Inoltre uno spicchio d’aglio e il lievito di birra aggiunti al pasto, per tre pasti consecutivi una volta al mese, aiuta il pelo ad essere lucido e luminoso ed allentare anche i parassiti.
  • rimedi naturali per il pelo lucido del cane: esistono una moltitudine di detergenti in commercio per la cura del pelo del cane, ma noi ci limiteremo a fornirvi due “rimedi della nonna” economici e pratici per la cura del mantello. Il primo è l’aceto di mele: potete frizionare il pelo del vostro cane con un panno bagnato in acqua e aceto di mele e poi strizzato; il pelo sarà disinfettato e più lucido. Inoltre l’aceto di mele donerà un piacevole profumo al manto del cane. Il secondo rimedio è il rosmarino: basterà lasciare l’erba aromatica in infusione nell’acqua calda e poi passare con un panno il pelo del vostro cane. Il mantello sarà subito più luminoso.
  • Tea tree oil: si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Mirtacee, diffusa in Australia, in alcune zone del sud-est asiatico e del pacifico. Dalla distillazione delle foglie si ricava un un olio dalle molteplici proprietà, utilizzato soprattutto per curare i disturbi della pelle o come rimedio per tenere lontani gli insetti. Basterà versare qualche goccia (pochissime!!!!) di questo antibatterico naturale in acqua e poi strofinare il pelo del cane.

Se sei incuriosito dai rimedi naturali per gli animali e vuoi saperne di più consulta subito la mia pagina di  benessere animale iscriviti subito alla mia newsletter per ricevere ogni mese tanti contenuti aggiornati per aiutare il tuo animale a stare meglio!

Lascia un commento