You are currently viewing Quarzo latteo: la pietra per lavorare sul rapporto con la madre

Quarzo latteo: la pietra per lavorare sul rapporto con la madre

Il quarzo latteo è conosciuto anche come quarzo neve o quarzo latte. Il colore bianco viene dato dalla presenza di bolle liquide, infiltrate alla nascita del primo cristallo.

Il quarzo latteo in breve:

Sistema cristallino: trigonale
Processo litogenetico: primario
Classe minerale: quarzo resistente di colore bianco, ossido di silicio
Colore: bianco latte
Aiuto Spirituale: protezione, attenzione
Aiuto Psicologico: permette di riconoscere e vivere il proprio potenziale
Aiuto Mentale: aiuta ad esprimersi in modo neutrale e oggettivo
Aiuto Fisico: apporta energia in specifiche parti dell’organismo, mitiga gli stati di debolezza, rafforza le vertebre e le articolazioni.

Impiego del quarzo latteo

Va indossato come ciondolo all’altezza del cuore per riequilibrare sentimenti e testa.

Proprietà del quarzo latteo

Benefici a livello fisico

Rafforza ossa, denti, vertebre e l’assorbimento del calcio e diminuisce l’infiammazione. Aiuta anche le madri nel periodo dell’allattamento.

Benefici a livello psicologico

Aiuta a mantenere la concentrazione e la mente tranquilla. Migliora il modo di comunicare in maniera oggettiva e a vedere le cose con chiarezza. Migliora il rapporto con la madre.

Benefici a livello mentale.

Aiuta le persone indecise e dona chiarezza e fiducia e aiuta a trovare la strada per l’autorealizzazione.

Benefici a livello spirituale

Aiuta a far riemergere il bambino interiore e promuove la leggerezza, dona serenità e protezione. Riequilibra inoltre il lato femmine con quello maschile

quarzo latteo

Se sei un appassionato o solamente incuriosito dai Cristalli iscriviti subito alla mia newsletter per ricevere ogni mese tanti contenuti aggiornati per lavorare su una costituzione e ritrovare il nostro benessere psicofisico-emotivo!

Vuoi fare un corso sui cristalli, chakra e fiori himalayani? Qui trovi il video corso on demand che fa per te!

BIBLIOGRAFIA

Lascia un commento