Al momento stai visualizzando Agata, la pietra della calma

Agata, la pietra della calma

Basta guardare un’agata per accorgersi che contiene un intero mondo. Anzi, più mondi perché ogni tipo agisce in modo diverso a livello sottile, aiutandoci a ritrovare l’equilibrio e l’armonia. Scopriamo meglio queste pietre seducenti.

Com’è fatta?

L’agata è una varietà di calcedonio, che è una forma di quarzo microcristallino. È caratterizzata da un aspetto variopinto dovuto alla presenza di fasce o zone di colori e tonalità diverse all’interno di una stessa pietra, con combinazioni affascinanti e ipnotiche.

Le agate appartengono alla classe degli inosilicati, che per la cristalloterapia hanno un effetto calmante e riequilibrante sulle energie. Si formano seguendo un reticolo cristallino trigonale, associato all’armonizzazione energetica.

Tipi di agata e proprietà in cristalloterapia

Per la sua natura, l’agata è la pietra della calma. Aiuta a stabilizzare le emozioni, promuove lo scioglimento delle tensioni emotive che creano confusione mentale, stimola il contatto con la Natura e la consapevolezza di essere parte di un Tutto più grande portandoci a vivere con più equilibrio.

È anche una pietra protettiva che funge da schermo contro le influenze esterne e favorisce il flusso energetico aiutando a eliminare i blocchi e portando armonia a tutti i livelli dell’essere.

A livello mentale e spirituale, le agate promuovono la calma agendo sul senso di stabilità e sicurezza ma anche stimolando le persone a guardarsi dentro concentrandosi sugli aspetti davvero importanti. Aiuta a comprendere e accettare la realtà senza lasciarsi fuorviare da pensieri ricorsivi e schemi limitanti.

Come accade per altre pietre che si presentano in molti colori diversi come ad esempio la fluorite e la calcite, anche le agate assumono proprietà diverse a seconda del colore dominante. Vediamo insieme i tipi più comuni e i benefici che apportano.

  • Agata nera e agata grigia: sono associate al primo chakra. Queste pietre hanno un effetto armonizzante sull’energia vitale, favoriscono il radicamento e hanno un’azione antistress.
  • Agata blu e agata dal pizzo blu: sono associate al quinto chakra. L’agata blu viene usata soprattutto per stimolare l’equilibrio e la libertà nella comunicazione con sé e gli altri. L’agata dal pizzo blu invece è indicata per chi vuole lavorare sulla propria capacità di espressione creativa. Entrambe hanno un effetto calmante sulle emozioni e aiutano la concentrazione.
  • Agata verde e agata muschiata: sono associate al quarto chakra. Stimolano la guarigione emotiva, l’apertura all’amore e alle relazioni con gli altri. L’agata muschiata è particolarmente utile a chi sente il bisogno di riconnettersi con la natura e con le proprie emozioni. L’agata verde invece aiuta a sviluppare una mentalità di abbondanza e prosperità a livello fisico, intellettuale e spirituale.
  • Agata striata: è associata al terzo chakra. Lavora sulla chiarezza di pensiero e stimola il contatto con l’intuito. Aiuta a sviluppare una maggior consapevolezza spirituale e delle proprie capacità.
  • Agata arancione: è legata al secondo chakra e stimola la vitalità a livello fisico e mentale. Favorisce la curiositàintellettuale, sostiene nel lavoro creativo e facilita un contatto più profondo con le proprie passioni.
agata


Come si usa?

  • Nei trattamenti, le agate vengono usate per bilanciare i chakra a cui sono associate, posizionandole in corrispondenza dei centri oppure creando delle griglie nel campo energetico.
  • Possono anche essere utilizzate per favorire un’atmosfera calma e rilassante negli ambienti di vita come lo studio e il soggiorno.

Come purificare l’agata

Le pietre usate nei trattamenti o per energizzare gli ambienti dovrebbero essere purificate regolarmente, per evitare ristagni e feedback. Usare un metodo di pulizia non adatto alla pietra che vuoi utilizzare può danneggiarne la struttura fisica e vibrazionale. Ecco tre metodi che puoi utilizzare tranquillamente per tutti i tipi di agata: 

  • L’argilla verde, che assorbe i residui energetici.
  • Le essenze floreali, usando 4 gocce di Rescue Remedy (Fiori di Bach).
  • La drusa di ametista, adatta a tutti i tipi di pietre e cristalli.

Vuoi conoscere i metodi di purificazione più adatti a ogni pietra del tuo kit di cristalloterapia? Scoprili nel mio corso gratuito!

Se invece cerchi il sostegno delle pietre e dei rimedi naturali per vivere con più equilibrio, scopri come posso aiutarti con Spleen Essence.

La newsletter del benessere

Jundipity è un appuntamento mensile con approfondimenti sulla naturopatia, consigli di benessere per te e i tuoi amici animali, sorprese e novità.

 

Lascia un commento