fbpx
Il significato sciamanico del Natale
natale sciamanico

Il significato sciamanico del Natale


Da dove ha origine il Natale?

natale sciamanicoIn un tempo delle origini, lo sciamano di etnia itelmena, originaria della fredda penisola della Kamcatka, in Siberia, così come gli sciamani delle popolazioni evenke, abitanti di vasti territori della taiga siberiana o ancora gli sciamani coriacchi nell’estremo oriente della Russia, preparavano la tribù all’avvento del solstizio d’inverno (21 Dicembre) appendendo agli alberi i funghi rossi (amanita muscaria).

In cosa consiste il rituale sciamanico del 25 Dicembre

Nel solstizio d’inverno il sole raggiunge il punto più basso del percorso sotto l’equatore celeste. Subito dopo il momento del solstizio, per circa tre giorni, è come se rimanesse apparentemente immobile. Sembra che tutto resti sospeso fino a che, la mattina del 25 Dicembre, il sole pare riprendere il proprio viaggio nel cielo. Questo momento, che può essere visto come una nuova nascita, è associato al Natale. Come può il periodo del solstizio, essere occasione di risveglio e nuova consapevolezza?

natale sciamanico Nel giorno del Natale lo sciamano siberiano vestiva di rosso per celebrare il rituale del viaggio sciamanico che avveniva mediante l’ingestione dei funghi rossi. L’amanita muscaria, è un fungo molto velenoso, può essere mortale, i suoi effetti possono essere definiti allucinogeni.  Ma per lo sciamano, che la consuma con il favore degli spiriti e la guida di un maestro interiore (l’Ongon), esso è il veicolo di un viaggio nel mondo infero e nel mondo dei cieli, durante il quale è possibile dialogare con gli spiriti della natura, con gli avi della tribù, con l’anima del mondo e con gli dèi.

Ciò è assolutamente proibito a tutti gli altri

Di ritorno dalla sua meravigliosa avventura, lo sciamano riuniva i membri della tribù intorno al fuoco e raccontava loro dei suoi viaggi. Questi racconti sono “favole di potere”, come ancora oggi li chiamano gli sciamani siberiani dell’Altai.  Cioè racconti che portano in sé chiavi di attivazione capaci di risvegliare energie e visioni in chi le ascolta. Lo sciamano è il portavoce degli spiriti della natura, egli è inscindibilmente unito al dio Saman e alla dea Samaya “colui/colei la cui voce bisbiglia nel vento”.

Lo sciamano è un sacerdote animista che sa rappresentare ad ogni individuo i suoi aspetti più profondi e potenti

La nascita del bambino divino è il simbolo del risveglio dei poteri spirituali in ogni essere umano. Il rituale del Natale è il momento attraverso cui il sacerdote, dopo aver scacciato le ombre, le paure, a mezzo del rito di purificazione con l’incenso e con la benedizione, aiuta ogni individuo a vedere le proprie doti, a prendere contatto con i propri talenti, che sono i doni portati dal Natale. Tutto ciò lo sciamano, che è un cantastorie-guaritore, lo fa ancora oggi, attraverso le “favole di potere”.

Natale sciamanico: un rituale per viverlo nella pienezza del risveglio nella  nostra società

La forza del risveglio si attiva quando l’individuo riesce ad accendere, a dar vita, alla scintilla divina che è nel suo corpo, nella sua mente e nella natura. Questo si esercita attraverso un cammino che è un ritorno a un tempo delle origini, quando tutto era rivelato e l’uomo ancora non aveva rotto l’equilibrio universale. Per tutti coloro che aspirano a questo grande ritorno il Natale può essere un momento estremamente importante, ma va vissuto nel suo originario significato di rituale per il risveglio.

Vivere il Natale sciamanico con i tuoi cari

natale sciamanico

Quest’anno a Natale regala alle persone che ami le possibilità di attivare potenziali e talenti, sostienile nelle loro scelte più creative e aiutale a essere se stesse, amandole per ciò che sono, liberandoti dai modelli sociali comuni, celebrando la tua unicità e quella di chi ti circonda. Prendi dei cartoncini rossi da regalare, tanti quanti sono le persone care a cui vuoi fare il dono. Su ogni cartoncino scrivi una frase che celebri l’unicità e la diversità della persona a cui è destinato, poi piega il cartoncino e scrivi il nome della persona in modo che sia ben visibile.

Quindi appendi i cartoncini rossi all’albero.

Non dimenticare che i doni sono portati da uno sciamano vestito di rosso che viaggia a bordo di una slitta trainata da renne. Vale a dire che il dono vero comporta la trasmissione di un viaggio a mezzo di uno spirito animale. Sull’altro lato del cartoncino rosso puoi scrivere questo augurio sciamanico:

«Possa la forza del tuo spirito animale portarti tanto lontano quanto lontano riescono ad arrivare le tue visioni e ricondurti a casa salvo.  Che il tuo spirito guida  possa vegliare su di te e sulla missione per la quale la tua anima è venuta, possa la rete dei cacciatori mai esserti nemica. Possa la tua luce risplendere nel glorioso giorno del sole nascente chiamato Natale per molti e molti nuovi cicli a venire.

Ti aspetto sempre nel mio cuore dov’è la nostra casa».

Un augurio per un sereno natale anche da parte mia.


Credits immagini: amanita muscaria sciamano siberiano

Lascia un commento

Chiudi il menu