You are currently viewing Tè e meditazione per lasciare andare la giornata

Tè e meditazione per lasciare andare la giornata

Siamo stressati e questo lo sappiamo. Ma con dei semplici passi fattibili a casa possiamo lasciare andare la giornata e liberarci un po’ dallo stress e dal nervosismo.

Le giornate sono per tutti frenetiche, ci alziamo e diventata tutta una corsa fino a sera: la colazione, i bambini o i gli animali da accudire, la scuola, il lavoro, il dopo scuola, lo sport, gli impegni serali, la spesa, la cena, i bambini da mettere a letto, il cane da portar fuori, il gatto che deve mangiare e quando finalmente ci mettiamo sul divano abbiamo accumulato talmente tanto stress e stanchezza che non siamo in grado nemmeno di rilassarci. L’unica cosa che ci viene di fare è accendere la televisione e spegnere il cervello.

Ma questo non permette al nostro cervello di rilassarsi perché comunque è sollecitato da immaginare e suoni, anche lui come noi per poter lasciar andare la giornata ha bisogno di ricaricarsi e rigenerarsi.

Ecco alcuni piccoli passi che possiamo fare per ricaricare il cervello e andare a letto sereni.

lasciare andare la giornata

Quali tè sono consigliati per la sera per lasciare andare la giornata?

Al di là di infusi rilassanti il mio consiglio è quello di preparare un buon tè da gustare a fine giornata. Alcuni tè sono molto poveri di teina e quindi non rischiate poi di passare la notte in bianco.

  • Tè Bancha: rafforza l’organismo, favorisce la digestione, è un ottimo antiossidante ed è una buona fonte di calcio, ferro e vitamina A.
  • Tè Hojicha: cugino del tè Bancha, solo che ha il sapore più tostato.
  • Tè Kukicha: cugino del tè Bancha in versione rametti, anche questo aiuta la digestione, il riposo, è un ottimo antiossidante e ricco di sali minerali e vitamine e rafforza le difese immunitarie.
  • Tè bianco: anche questo è un ottimo antiossidante, abbassa la pressione sanguigna e aiuta nella digestione degli zuccheri, facilitando il dimagrimento
  • Tie Guan Yin: un tè oolong a bassa ossidazione che contiene molta poca teina, è ricco di antiossidanti, stimola il metabolismo e ha proprietà digestive e diuretiche.
  • Puer: un tè nero fermentato, che di solito ha molta poca teina e favorisce la digestione e quindi molto adatto per il dopo cena.

Naturalmente i tè perdono teina durante le infusioni, quindi se volete essere sicuri di bere un tè a poca teina dovreste (anche se è uno spreco) buttare via la prima infusione e iniziare a berlo dalla seconda. A questo link trovate una piccola guida sul tè e come farvi un buon tè in casa.

Cosa facciamo insieme al tè per lasciare andare la giornata?

Intanto dovreste dedicare del tempo di “qualità” durante la preparazione del tè, quindi buttate via i vostri filtri, prendete del buon tè sfuso, un bollitore con temperatura o un termometro, una teiera, un colino e delle tazze da tè e dedicate quel tempo per la preparazione del tè come una sorta di stato di meditazione o rilassamento. Una volta che è pronto il tè sedetevi e godetevelo, anche se si tratta di 10 minuti.

In quel momento, mettete via i telefonini, la televisione e dedicatevi ad una attività introspettiva: come ad esempio del journaling (la versione adulta del diario), nel quale potete scrivere qualsiasi cosa, come state, come vi sentite, cosa dovete fare, cosa sognate, le prossime mete per le vacanze ecc…Oppure potete dedicarvi alla meditazione o alla visualizzazione e poi segnate nel vostro quaderno quello che avete visto o sentito durante la meditazione. Qui trovate una piccola guida alla meditazione.

Ma se meditare proprio non ci riesce e il tè non ci piace?

Meditare può risultare complicato all’inizio, ma ognuno di noi ci riesce. Potete iniziare con dei semplici esercizi di respirazione per calmare la mente e poi se vi appassionate o se ne trovate beneficio potete iniziare a fare qualcosa di più complesso. Le meditazioni e le visualizzazioni possono essere usate per qualsiasi cosa o per qualsiasi domanda e diventano sempre più importanti piano piano che ne traiamo benefico.

Potete iniziare con il journaling se proprio non vi riesce e scrivere pensieri che vi passano per la mente anche di pensieri che non vi fanno lasciare la vostra giornata alle spalle o potete dedicare un po’ di tempo a leggere un libro, tanto lo so che ne avete comprati tanti e poi non avete mai il tempo di leggere e anche quello vi farà dimenticare la giornata.

Il tè non vi piace? Non mi dite che state ancora usando i filtri e lo scaldate e lo lasciate li a macerare all’infinito tanto che diventa una brodaglia oleosa e amara? Ecco forse è per quello che il tè non vi piace. Un buon tè, fatto a regola d’arte può avere mille milioni di sapori e sicuramente troverete un tè che non vi piace. Ma se davvero non vi piace potete gustare un’altra bevanda calda, una tisana o un infuso.

Se dopo questa pratica, che può durare 30 minuti o 1 ora o quanto vi pare siete più rilassati, bene vuol dire che il cervello si è ricaricato e che siete pronti per andare a riposarvi…si una puntata della vostra serie Netflix preferita la potete vedere…

Se il tè ti incuriosisce e senti che in qualche modo il tuo corpo necessiti di questa pozione benefica abbinata alla meditazione, guarda subito il mio nuovo corso che uscirà in autunno dedicato al te e alla meditazione: Tea Mind. Se il corso ti piace iscriviti subito alla mia newsletter per ricevere tutte le info e le promozioni quando il corso sarà online!

Lascia un commento